Racing Team
eShop

Bike Store Racing Team

ciccio e franco 
Ieri pomeriggio si è conclusa la stagione Superenduro 2012 e noi eravamo li... In sei... forse per far fede al logo del Team!
Sono stati quattro magnifici giorni passati nell'armonia totale, con una organizzazione da coppa del Mondo e con tanta voglia di far bene questa ultima gara di stagione.
Riccardo, mettendo a disposizione un magnifico Ford cassonato con cabina a sei posti, ha reso le operazioni di trasporto e di recupero sulle PS un gioco da ragazzi, nonchè siamo riusciti ad abbattere i costi del 50% ripsetto alle altre trasferte. E di questi tempi anche questo ha importanza per poter invogliare a partecipare.

Il venerdi, sveglia di buon ora, colazione e alle 9.30 già operativi. Riccardo e Daniele hanno subito capito che le strade di Finale, non sono fatte per un mezzo da oltre 6 metri e , sentendoci piuttosto preoccupati nel metterci alla guida, hanno ritenuto di alternarsi solo loro due.
Si incontra tanta gente al superenduro e incrociamo Giovanni Barbolini, un mio coetaneo e compagno di categoria, ma un cagnaccio in gara.
Modenese, amichevole e chiacchierone, lo accogliamo nel nostro furgone per tutte le ricognizioni,  raccontandoci la sua vita di atleta di Trial prima e DH dopo e approdato nell'enduro nel team Torpado Surfingshop. Grande cosnoscitore di Finale, ci guida sui percorsi dandoci le dritte necessarie e dimostrando la sua levatura (si è classificato 1° di categoria).
Alle 17.00 siamo belli cotti. Per me Mizo e Francesco sono state due ricognizioni per ogni PS per gli autisti una. Alla fine della giornata il Garmin segna 40Km. Si, ma 40Km di sole DISCESE!!!!
  
 
  
 
c'è ancora tanto da leggere

 

 

Si sono sempre i soliti due che vanno in giro per l'europa a caccia delle gare più emozionati ed importanti del nostro sport. Marco ed Annalista in trasferta a Roc D'Azur hanno voluto condividere con noi la loro esperienza.. una gara per molti aspetti incredibile, ma lascio a loro la parola e li ringrazio per aver voluto condividere con noi questa incredibile esperienza.. 

Una gara solo donne..che dire è il sogno di tutte le bikers, almeno credo!!!

Senza uomini che ti sbruffano dietro per superarti e per poi essere superati a loro volta 500 metri dopo, che non ti danno strada, che ti guardano con sufficienza…ma un unico gruppone di bikers sorridenti ed agguerrite (e devo dire, tante molto carine….)

Si perché, tolte le prime 50 elitè-pro che giustamente si contendono il podio ed i piazzamenti, tutta la gara si svolge in un clima molto ‘corporativo’: ci si aspetta in salita, si tira a vicenda in pianura, ci si aiuta in discesa….con l’incitazione continua di ‘ici la vie c’est bonne’ anche io sono riuscita a scendere in passaggi molto impegnativi accodandomi alle mie compagne di gara francesi, belghe, inglesi, tedesche, ecc…..

Il percorso poi è pazzesco, una xc di 44km fatta di single track nel bosco, discese rocciose mozzafiato vista mare (il massiccio dei Maures) e salite aspre sulle colline lungo costa, direi impegnativo dal punto di vista fisico, bisogna sempre tenersi un briciolo di energia perché quando sembra che tutto sia finito….ecco un altro strappo!!!

Per fortuna sul finale bel ristoro con dolcetti vari e pain d’epices, abbracci e sorrisi con le compagne d’avventura, con la speranza di rivedersi l’anno prossimo…con un’altra maglia da finisher da mettere in valigia!!!!

Annalisa 
 
 
 
 ..eccoci di ritorno dalla Francia!!!
“Un’esperienza come la  Roc d’Azur  non può mancare nella vita di un biker”…..così mi avevano detto più volte, quanta verità in quelle parole!!
La Roc d’Azur non è una gara come la intendiamo noi ma una serie di eventi per tutti i tipi di bikers.
23 gare diverse per 4 giorni consecutivi!!
Triathlon, enduro, xc, marathon, coppie, tandem, notturna, adulti, bambini, espositori, distanze che  vanno dai  2,3 km agli 83 km. Il tutto all’interno di una base della marina militare francese riconvertita in “base natura” come la chiamano qui.
18.000 atleti partecipanti (avete capito bene…),  17.000 mq di esposizione gratuita con 300 marchi, 150.000 visitatori…………..
Un’enorme area (hangar compresi) dedicata alla mtb. Bike park, skate park, pump track, bmx, slopestyle, trial, ciclocross, piste ciclabili e mtb permanenti!
Un sogno…..
Io ho partecipato al marathon (83 km) senza nessuna velleità di nessun genere se non quella di testare tutti i ristori in previsione della Roc d’Azur 2013!! (30esima edizione)
 Un percorso molto bello ed impegnativo immerso nella costa azzurra con degli scorci sul mare che da soli valevano il prezzo dell’iscrizione. Un lungo e continuo cross country nella macchia mediterranea, dove un fiume di biker si cimentano ognuno secondo le proprie capacità. 
La mia gara non ha nessuna importanza, 2200 partenti come vincitore un certo Jaroslaw……..
Ultima gara della stagione e tanta voglia di vacanza……mi sono unito a due simpatici romagnoli e via tutti insieme chiacchierando e raccontandoci le proprie esperienze. Si può correre anche così, non ci avete mai pensato???
La gara che più mi ha impressionato?? I tandem….circa 300 partenti(!!)
Annalisa invece ha fatto la gara solo donne. 220 partenti(!!) da noi neanche so se ci sono duecento donne… 
Vi racconterà poi lei………..
Aggiungo solo una cosa, l’anno prossimo non ci sono scuse………..
 “Un’esperienza come la  Roc d’Azur  non può mancare nella vita di un biker”
Marco

 

 
il commento di Paolo:
"YooOYOooYooo e ancora YooOOOO , Acqua, Fango,Radici etc etc sono stati oggi i protagonisti del 3 Appuntamento del giro delle Abbazie in quel di Campodimele......DIvertito è dir poco, strafelice per il mio 3 posto assoluto dietro i miei Grandi Amici Stefano Capponi e Massimo Folcarelli 2 secondo Elite nonostante la foratura al penultimo giro son riuscito a mantenere la posizione... Percorso sempre piu Stiloso da vero XC Puro, organizzazzione sempre piu impeccabile :)...
 Onorato per il mio Mega Team Bike-Store Roma BikeStore RacingTeam per la Fiducia e lo Stimolo che mi da a far sempre meglio.....Mente e Gambe ci sono si continua per questa VIA (oneWay)...Next Pics of the DAy!!!" 
 
paolo viola


 qualche gg fa ho letto questa mail e mi e' subito venuto voglia di pubblicarla qui sul sito. si.. perche e' un inno alla voglia di andare in bicicletta anzi e' la metafora della vita.. i problemi si superano si affrontano si lotta contro di loro ed alla fine si vince, lo sport e' la palestra della vita.. spero che Simonee non se la prenda per essere stato preso come esempio.. ben tornato..
 
<< Ieri finalmente dopo 80 giorni di "infermeria" sono potuto rimontare in sella alla mia bici, per riprendere da dove avevo lasciato; insieme al mio amico Andrea ho pensato di girare sull'ormai "famoso" trail dei Tralicci.
 
Ho deciso di scrivere due righe non tanto per raccontarvi del recupero dall' infortunio, ma per celebrare l'impegno profuso da chi in questi ultimi tempi ha speso giornate intere sotto il sole, spaccandosi la schiena per realizzare il sogno di una Superenduro! Per alzare la voce, per dire che Roma e tutto il centro Italia ci sono e credono fortemente nello sviluppo del nostro territorio in un'ottica MTB.
 
Dovendo descrivere il trail, la prima cosa che mi viene in mente è lo splendido contesto! Sembra impossibile che con 30 minuti di macchina dal centro abitato ci si possa ritrovare in un posto dove la natura è forte e aspra, un'oasi di silenzio lontano da tutto e tutti!
Il sentiero è veramente fantastico, quasi tutto all'ombra, con un fondo un pò atipico per Tolfa, essendo poco polveroso. C'è di tutto: rilanci, rockgarden, sponde, radici, drop naturali, salti! Non è stato tracciato con l'idea di voler impressionare qualcuno, ma a ogni ostacolo si percepisce chiara la "Passione Vera" per la mountainbike, l'amore e il rispetto per questo territorio con un potenziale enorme!
 
Sono sicuro che i Tralicci metteranno alla frusta anche i rider più esperti. Vi consiglio di andare a divertirvi con una buona compagnia in questo meraviglioso contesto dove poter dare "Er Gas" alla vostre bici!
 
A presto, 
 
Simone >>

263 giorni dopo si ripete l'esperienza della promo enduro. Siete pronti? lo scorso anno fu un gran successo per essere la prima edizione, in questo 2012 speriamo di poter bissare, anzi crescere.. la location è una delle piu belle d'Italia, i percorsi non sono ne facili ne difficili, adatti tutti quelli che vogliono iniziare una nuova avventura o allenarsi per la prossima SuperEnduro.

l'edizione 2012, come da tradizione di BikeStore, conterrà una grande, grandissima novità.. cerchiamo di essere sempre i primi. 

 stay tuned, coming soon 

tasto destro e 'download del link alla traccia GPS --->>>